Segreti


Parigi esotica: Gira il mondo senza lasciare la capitale

11 mesi fa - Valérie D.

Parigi è una capitale mondiale in molti modi. La città ha visto l'incontro tra i popoli, la mescolanza di varie tradizioni e conserva le impronte di influenze dai cinque continenti. Andare in giro per il mondo senza lasciare Parigi è un'avventura al prezzo di un biglietto della metro o di pochissimi passi. Scopri le architetture e giardini di ispirazione straniera, con attrazioni uniche; la città della luce offre una vista sui luoghi di culto della capitale da restare senza fiato. Questi posti sono così numerosi che cercheremo di non perderci elencandoli.. allaccia le cinture di sicurezza, pronto, decollo!

Culti da Qui e Aaltrove

"Parigi vale una messa", disse il sovrano Enrico IV. Per celebrarlo, Parigi ha Notre Dame, ma non solo. Dal 1861, la capitale francese è la sede dell'Arcidiocesi delle Chiese ortodosse russe nell'Europa occidentale, con la cattedrale di Saint Alexander Nevsky. La chiesa in stile bizantino-moscovita, testimonia la presenza russa in Francia dalla fine del XVIII secolo. Le sue caratteristiche absidi sono sormontate da frecce adornate da lampadine dorate, a loro volta ricoperte da una croce russa a otto punte. Qui non ci sono gargoyle, eppure si trova nell'8° arrondissement di Parigi.

Più famoso forse, il minareto, alto 33 metri della Grande Moschea di Parigi, fu eretto nel 1922, secondo i modelli di edifici situati in Nord Africa. I parigini sanno che troveranno all'ombra della sua architettura ispano-moresca il miglior tè alla menta della capitale. Dopo aver accompagnato questa bevanda con alcuni dolci orientali nella famosa sala da tè, perché non godersi l'hammam? Da qua il visitatore può intravedere le sale di preghiera e visitare il patio, prima di passeggiare in un giardino di ispirazione andalusa. Marmi bianchi, colonne multicolori e zelliges, palme orientali e tappeti: oltre alle porte di cedro del Libano, il cambio di scenario nel cuore del 5° arrondissement è garantito.

Per viaggi spirituali ancora più distanti, si può anche scoprire la Grande Pagoda di Vincennes e il suo Tempio Buddista Kagyu Dzong. Questo rifugio Zen ospita il più grande Buddha ricoperto d'oro in Europa, donato dalla Tailandia. Dall'altro lato di Parigi, è l'Induismo che è sotto i riflettori, vicino alla stazione della metropolitana di La Chapelle: benvenuti nel quartiere soprannominato "Little Jaffna" dove regnano le culture indiane e dello Sri Lanka. Tra i negozi di sari e le drogherie Tamil, si trova il tempio di Sri Manicka Vinayakar Alayam, dedicato a Ganesh. La divinità dalla testa di elefante, figlio di Shiva, viene celebrata qui a settembre, durante una parata molto colorata.

La Grande Moschea di Parigi

Oasi di Vegetazione Esotica

Tra le aree esotiche nella grande metropoli di Parigi, ci sono una manciata di giardini fuori dal comune. Il più grande di questi è il Jardin d'Agronomie Tropicale, nel Bois de Vincennes. Questo spazio verde inaugurato per la mostra coloniale del 1907, ha riaperto le sue porte al pubblico nel 2006. Permette di osservare ciò che rimane dei padiglioni di ispirazione africana o asiatica, con una ricca vegetazione composta da alcune piante tropicali.

C’è anche il parco del Museo Albert Kahn. L'ex proprietà del filantropo itinerante raggruppa giardini inglesi, francesi e giapponesi intorno al museo. Un'isola tra due ponti di legno rosso, fiori di ciliegio, bambù e ciottoli, con tanto di carpe: è come essere nella terra del sol levante.

Anche il giardino dell'Hotel Heidelbach al Museo Nazionale di Arte Asiatica - Guimet, nel 16° arrondissement di Parigi, riflette l'arte del giardino in stile giapponese, in un modo naturale e molto curato. Il momento migliore per visitare questo luogo è la primavera, quando le tradizionali cerimonie del tè si svolgono in un padiglione dedicato e costruito dal maestro carpentiere Yamamoto Takaaki.

Giardini Asiatici al Museo Albert Kahn

Architetture Insolite

Di questi luoghi insoliti che vestono Parigi con un tocco di esotismo, non dimentichiamo di menzionare la Cité Universitaire Internationale. Si possono sentire tutte le lingue del mondo uscire da RER Cité Universitaire, dal momento che questo campus accoglie 12.000 studenti provenienti da 140 paesi. Hanno la fortuna di essere ospitati in una quarantina di edifici progettati da grandi nomi dell'architettura mondiale (Lucio Costa, Le Corbusier o Claude Parent). Qua, tutti gli stili nazionali sono mescolati con le case Iraniane, Coreane, Giapponesi, Argentine o Spagnole.

Isolato nell'8° distretto, e ancora più spettacolare, Maison Loo sorprende lo spettatore con le sue pareti rosse. La pagoda di ispirazione cinese, ex residenza privata di un mercante d'arte nostalgico del suo paese, M.Loo, è ora un museo privato, che offre mostre e saloni per essere privatizzati. L'opportunità in questo luogo è di scoprire una decorazione d'interni esotica come la sorprendente facciata.

Loo house: una Pagoda Cinese a Parigi

Sapori da molto lontano

Naturalmente, i ristoranti non mancano nella capitale mondiale della gastronomia. Ma quando vuoi cambiare i soliti sapori francesi, dove cenare a Parigi? Naturalmente, per gustare ottimi piatti asiatici e scoprire che non ci sono solo involtini primavera e sushi nella vita, i parigini hanno familiarità con Rue Sainte Anne, nel quartiere dell'Opera, luogo in cui trovare i migliori ristoranti giapponesi, o l'Avenue de Choisy nel XIII distretto chiamata anche "China Town" per la più autentica cucina cinese. Gli amanti dei Falafel devono invece recarsi nel Marais. Vuoi assaggiare un vero mafé maliano? Il quartiere di La Goutte d'Or, la metro Château Rouge, è piena di negozi di alimentari specializzati in prodotti africani. Sei alla ricerca di profumi dall'India? È Passage Brady dove li troverai. Questa "Piccola India" si nasconde dietro le sue facciate colorate e le spezie più misteriose.

Fuori dai sentieri battuti e i quartieri dello shopping, Parigi ha anche molte cucine che si fondono quasi in incognito nel paesaggio di Haussmann: vietnamita, tailandese, messicana, argentina o cucina peruviana. Tutti trovano il loro posto non lontano dalla Senna. Tra questi buoni indirizzi di ristoranti esotici a Parigi, abbiamo testato un punto di riferimento nella cucina indonesiana: il ristorante Indonesia, situato vicino al Giardino del Lussemburgo. Dietro ad un'entrata quasi segreta, si scopre una decorazione composta da bambù e ornata da marionette e maschere evocative delle culture dell'arcipelago vulcanico. I piatti nazionali che vengono serviti qui, come il nasi goreng (riso fritto) o sate ayam (spiedini di pollo con salsa di arachidi) trasporteranno i tuoi sensi a Yogyakarta o Ubud, al suono di una gamelan tradizionale.

Tutte le spezie esotiche che si trovano a Parigi