Vita notturna


I migliori bar clandestini a Parigi

3 mesi fa - Léa D.

L’origine di questi posti misteriosi

Nascosti dietro una lavanderia, una pizzeria o una piccola porta sul retro, avrete sicuramente sentito parlare di questi bar con una tendenza speciale.. ispirata al contrabbando ed al mondo clandestino. Infatti, nel 1920, negli Stati Uniti, la produzione e la vendita di alcol è stata vietata, il che ha portato all'apertura di molti bar clandestini. Al momento dell'acquisto di alcolici, i baristi chiedevano ai clienti una "parola in codice", sussurrata dolcemente in francese, la quale ha fatto nascere il termine americano “speakeasy”, ovvero “parlata dolce”.

Nel 2007, questo concetto viene ripetuto a New York dal bar Please do not Tell. Il principio è semplice: per entrare, bisogna chiamare dalla cabina telefonica di un piccolo ristorante. Il successo è immediato e la moda viene lanciata anche a Parigi, con la Candelaria nel quartiere del Marais. Questo bar parigino è accessibile solo da una piccola porta in fondo ad un ristorante messicano, che serve anche ottimi nachos... Ma non solo! Oggi, questo posto è conosciuto come uno dei migliori indirizzi europei per i cocktail su un sottofondo musicale pop di tendenza. Il menu dei cocktail è originale e rinnovato regolarmente, il posto è di grande effetto e il rapporto qualità-prezzo è eccellente; è certamente l'indirizzo migliore del Marais, premiato dai Timeout Award nel 2016.

Solo qui, un bar nascosto è per definizione... nascosto! Ecco i nostri posti migliori da sperimentare durante il vostro prossimo soggiorno a Parigi!

The Candelaria

I nostri indirizzi preferiti

The syndicate

Una facciata discreta e alcuni manifesti sulla parete, in netto contrasto con l'interno accogliente e di classe in questo bar clandestino così ben nascosto in rue du Faubourg Saint - Denis, nel 10° arrondissement. Ha una lista di cocktail composti da ingredienti inaspettati, rari liquori francesi e soprattutto una missione specifica: difendere la causa degli spiriti nazionali. Per quanto riguarda il menu, vengono proposti diversi cocktail a base di whisky francese, pera, genziana o calvados. Sono tutti originali al 100%, lavorati con delicatezza e precisione per un mix di nuovi sapori. Con gli amici o in coppia, questo locale è perfetto per gustare un drink nella prima stanza con bar centrale, o in un'atmosfera più rilassata dietro alla tenda che lascia spazio alla seconda stanza.

The Moonshiner

Il termine Moonshiner significa in inglese contrabbandiere di alcolici, incaricato di rifornire i bar sotterranei al momento del divieto. Questo bar clandestino è giustamente chiamato in questo modo, ed è davvero ben nascosto. All'indirizzo 5 rue Sedaine, nell'11° arrondissement, troverete la pizzeria Da Vito - da attraversare completamente per ritrovarvi finalmente nell'atmosfera sommessa di un bar degli anni '30, con motivi dorati e stencil sulle pareti, oltre a qualche nota blues che accompagna i baristi. Il whisky è la bevanda di punta di questo luogo sorprendente, in una variante di diversi cocktail rivisitati. Il segreto di questo luogo (segreto) è la cassaforte nella sala fumatori: trova la combinazione e vinci delle bottiglie.

Naturalmente, se ne avete voglia, non esitate a fermarvi nella sala della pizzeria Da Vito, che soddisferà il vostro palato con deliziose pizze o insalate fatte in casa per un piacere garantito!

Pizzeria Da Vito

The Speakeasy

Questo piano bar gourmet è un luogo da non perdere durante un soggiorno a Parigi. Inaugurato nel 2011, si trova in una strada del 16° arrondissement di Parigi. Il suo proprietario è un mercante d'arte e ha reso questo posto un luogo magico.. un vero e proprio luogo in cui rivivere gli anni '20. In questa accogliente atmosfera, potrete gustare il caratteristico cocktail clandestino a base di cognac, liquore alla liquirizia, lime e ginger ale o l'alcol-free Caribbean, una miscela di succo di mango, arancia, frutto della passione e banana. Nel menu non c'è che l'imbarazzo della scelta: pizza al tartufo, teneri tagli di manzo o filetto di salmone, i piatti sono raffinati e deliziosi.

Sullo sfondo, artisti di tutto il mondo vengono ad esibirsi al pianoforte e al sassofono, ricordando l'atmosfera dei cabaret di Harlem e Broadway. Qui, niente dj set, solo musica live e autenticità in un'atmosfera artistica e bohémien di altissimo livello.

The Speakeasy

Il più recente

The Lavomatic

Il nuovo bar clandestino della capitale è il Lavomatic, nascosto al primo piano di una lavanderia del 10° distretto (rue René Boulanger). Una volta entrati nella lavanderia a gettoni, cercate il bottone mimetizzato per accedere a Lavomatic! Qui, la decorazione pop, colorata e originale, dona un'atmosfera amichevole. Sedetevi comodamente sui cuscini e date un'occhiata al menu che offre una moltitudine di sorprese fruttate e colorate. Basil Instinct è a base di basilico fresco, cetriolo, succo di lime, e sambuco; il DetoxOmatic sarà adatto ai più avventurosi con barbabietola, ribes nero, liquore di carciofi, gin, limone e pompelmo. Vi aspettano una moltitudine di altri cocktail originali al 100%. Potrete accompagnarli con piccoli piatti a base di ingredienti di qualità, adattati alle stagioni: filetto mignon caramellato con melograno, zenzero ceviche zenzero cetriolo, cantalupo, prosciutto biologico di fattoria... Un luogo insolito da scoprire ad ogni costo.

The Lavomatic

Baranaan
Per gli amanti della cucina indiana, questo bar naan è il luogo perfetto. Non c'è un nome scritto all’esterno del locale.. è come avvicinarsi a una sala da tè in stile indiano. Per raggiungere il vero cuore del luogo, andate da un cameriere e chiedetegli: "Dov'è il treno?". Si parte poi per un vero e proprio viaggio, accompagnati da un delizioso profumo di incenso. Inaugurato nel 2015, questo incantevole locale offre cocktail indiani ma anche alcune specialità culinarie come naan e kebab.

La sala è concepita come un vagone ferroviario d'epoca, in lunghezza, decorato con sedili in pelle e "finestre", ovvero schermi posti su cui vedere paesaggi molto scenici. La nostra scelta del giorno è il Tajma, un mix di 4 rum e succo d'ananas servito in una noce di cocco fresco.