Eventi


Troverai in questa pagina tutti gli articoli del blog HomeTown della sezione Eventi

Eventi

Guarda i dipinti degli impressionisti a Parigi

1 anno fa - Julie D.

Gli impressionisti hanno segnato la storia dell'arte, non solo in Francia, ma in tutto il mondo. Alla fine del XIX secolo, molti giovani pittori erano stanchi del noioso classicismo dell'insegnamento all'Ecole des Beaux-Arts di Parigi, ed inventarono una nuova corrente. Ispirati dagli ultimi sviluppi scientifici, vogliono ricreare gli effetti della luce, il luccichio dell'acqua, la diffrazione della luce solare, il modo in cui le foglie di un albero producono un'ombra in modo caratteristico. Per rappresentare la realtà come la nostra mente la concepisce, sembra a loro di poco interesse. Ciò che vogliono è l'immediatezza della sensazione visiva, il modo in cui i riflessi luminosi arrivano all'occhio. Analogamente ai pixel digitali, le macchie di colore che gli impressionisti hanno sulle loro tele ricostituiscono un'immagine in un modo ancora più vicino alla realtà. In queste opere, emerge un'impressione più vicina alla nostra esperienza, quella di un pomeriggio luminoso quando abbagliati dall'acqua scintillante, o quando l'ombra scura che le foglie degli alberi compongono sul pavimento ci mostra toni inaspettati, blu o verdi. Una riflessione di colore sulla guancia di una ragazza?! Scandalo! Eppure, è solo la realtà della nostra percezione visiva. Il dipinto che Claude Monet chiama "Impressione: sole nascente" conferisce al movimento il suo nome ufficiale. Dopo essere stati ripetutamente rifiutati al Salon Officiel, gli impressionisti finiranno per vincere. Il pubblico rimane sorpreso di fronte a quella che sembra pigrizia o dilettantismo: le macchie colorate gettate sulla tela in fretta, i dipinti fatti in poche ore all'aria aperta, purché la luce sia bella, invece di essere concepiti, realizzati e finiti in studio, vengono tratti dalla vita di tutti i giorni e non dalla mitologia antica, tutto è nuovo e disordinato, per spettatori che erano stati abituati al classicismo. Oggi gli impressionisti si vendicano di quel passato burrascoso: ammirati in tutto il mondo, i loro dipinti adornano le tazze da caffè, magliette, calamite da frigo e portachiavi. Tuttavia, lontano dalle riproduzioni adulterate, si possono ammirare a Parigi molti dipinti di questo movimento che rivoluzionarono la storia dell'arte. Facciamo un tour dei tre principali musei che ospitano oggi i capolavori dell'Impressionismo a Parigi. Guarda i dipinti degli impressionisti a Parigi: Le Musée d'Orsay Il museo occupa un posto privilegiato, sulle rive della Senna, nella ex stazione ferroviaria di Orsay, un magnifico edificio costruito per l’esibizione Universale di Parigi del 1900. Raccoglie una collezione impressionante di dipinti, naturalmente, fotografie, sculture, arti decorative ed arti grafiche.. È ad Orsay che troviamo molti famosi dipinti dell’Impressionismo, come i Raschia Pavimenti, Gustave Caillebotte, I Giocatori di Carte di Paul Cézanne, I Testimoni sui Bordi dell’Acqua di Camille Corot, così come diversi Courbet e Degas, solo per citarne alcuni. La stanza di Van Gogh ad Arles è qua, cosi come La Méridienne e la Chiesa di Auvers sur Oise. In altre parole, il museo è un must per chi ama i dipinti, inclusi quelli della seconda metà del 19° secolo, in Francia ed in Europa. È meglio prendersi tempo per fare pause al caffè o al negozio del museo. Una visita approfondita può facilmente riempire una giornata! Il Museo d'Orsay - apre tutti i giorni tranne il Lunedì dalle 9:30 alle 18, giovedì fino alle 21:45 - 1, rue de la Legion d'Honneur, 75007 - metro 12 Solferino, RER C Musée d'Orsay - ingresso 12€, Ridotto prezzo 9€ - attenzione, tieni con te il tuo biglietto: ti dà diritto alla tariffa ridotta entro otto giorni dalla visita al museo Gustave Moreau, al Palais Garnier ed al museo Jean-Jacques Henner. Vedi le ninfee di Monet a Parigi: Le Musée de l'Orangerie Quando qualcuno arriva all'Orangerie è per vedere il centrotavola per iniziare: il gigantesco affresco delle ninfe di Claude Monet. Per oltre trent'anni, Claude Monet dipinse instancabilmente i riflessi dello stagno delle ninfee nella sua proprietà di Giverny. Il risultato è più di 250 dipinti, tra cui  gli affreschi monumentali del Museo dell’Orangerie più celebri. Distribuite su due stanze ovali illuminate da un tetto in vetro, rappresentano lo stagno durante il giorno e le quattro stagioni. Offrono un momento di meditazione e bellezza senza eguali. Il museo ospita anche una ricca collezione della fine del XIX secolo e dell'inizio del XX secolo: Cézanne, Gauguin, Marie Laurencin, Matisse, Modigliani, Chaim Soutine e Picasso convivono qua fianco a fianco. Esibizioni temporanee Water Lilies: Astrattismo Americano e l'ultimo monet Fino al 20 agosto 2018 Questa eccezionale mostra presenta una grande tela di Water Lilies esposta a New York nel 1955 e le creazioni della scuola astratta di New York, incluse opere di Pollock e Rothko. Racconti Crudeli di Paula Rego Dal 17 ottobre 2018 al 14 gennaio 2019 Paula Rego ha lasciato il suo nativo Portogallo da adolescente per trasferirsi a Londra. Alla Slade School of Arts incontra Francis Bacon, Lucian Freud, Frank Auerbach e David Hockney. Nei dipinti intransigenti, dipinge scene cigolanti e crudeli che evocano lotte di potere e condizioni femminili. Musée de l'Orangerie - aperto tutti i giorni tranne il Martedì dalle 9 alle 18 - Giardino delle Tuileries, 75001 - metro 1, 8 o 12 Concorde - ingresso 9€, prezzo ridotto 6,50€ - possibilità di acquistare un biglietto per saltare la fila – bisogna acquistarlo online e stamparlo a casa. Vedi altri dipinti impressionisti a Parigi: Le Musée Marmottan-Monet Il museo d'Orsay può essere il museo con più visite, ma il museo Marmottan-Monet ha una ricchissima collezione di opere impressioniste, costruita poco a poco, con donazioni illustri: la "Figlia del dottore", "Impressionisti", Georges de Bellio ed il secondogenito di Claude Monet hanno lasciato in eredità le collezioni dei loro padri e questa si è arricchita nel corso degli anni. Il museo ospita anche alcune delle più belle opere antiche dell’illuminismo, tra cui la collezione Georges Wildenstein e la collezione di dipinti ed oggetti del Primo Impero appartenuti al fondatore del museo, Paul Marmottan (che, a proposito, odiava gli Impressionisti, apparentemente..). Esibizioni temporanee Per scoprire le mostre temporanee del Museo Marmottan, visita il sito web, sulle pagine "Mostre in corso" e "Prossime mostre" Corot, il pittore ed i suoi modelli Fino all'8 luglio 2018 I famosi paesaggi di Camille Corot ci ricordano che era anche un grande ritrattista. Nei suoi dipinti, rappresenta personaggi alla moda o anonimi, ma sempre molto moderni. Questa mostra riunisce una sessantina di dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private provenienti da tutta Europa (Zurigo, Lione, Madrid..) e dagli Stati Uniti (Washington, New York). Collezioni private - Capolavori da collezioni private di Fauvismo ed Impressionismo Dal 13 settembre 2018 al 10 febbraio 2019 Questa eccezionale mostra riunirà circa sessanta opere di solito non visibili al pubblico, prestate da collezionisti privati. Questa è una rara opportunità di vedere i primi dipinti dei più grandi nomi dell’Impressionismo e Fauvismo, come Monet, Degas, Caillebotte, Renoir, Rodin, Camille Claudel, Seurat, Signac, Emile Bernard, Gauguin, Van Gogh, Redon, Vuillard, Bonnard, Derain, Vlaminck o Matisse. Musée Marmottan-Monet (notizie del museo da scaricare) - aperto tutti i giorni tranne il Lunedì dalle 10 alle 18, Giovedì fino alle 21 - 2, rue Louis Boilly, 75016 - metro 9 La Muette, RER C Boulainvilliers - ingresso 11€, prezzo ridotto 7,50€

Leggi di più
Guarda i dipinti degli impressionisti a Parigi

Guarda i dipinti degli impressionisti a Parigi

Eventi

Mostre temporanee da non perdere a Parigi

2 anni fa - Pauline P.

Chiuderanno presto i battenti, in via definitiva, calando il sipario su rare opere d'arte o collezioni inedite. Molte mostre a Parigi, si concluderanno a febbraio o marzo, pertanto non tardate a camminare nei sentieri dei musei parigini! Dalla fondazione Louis Vuitton Da ottobre 2016, fino al 5 marzo 2017, il rivestimento in vetro firmato Frank Gehry, ospiterà la prestigiosa collezione di arte moderna del patron russo Sergei Shchukin. La mostra "Icons of Modern Art: La Collezione Shchukin" viene distribuita su tutti gli spazi del museo creato da Bernard Arnault, amministratore delegato del gruppo LVMH: scoprirete 160 capolavori tra cui dipinti e sculture di Braque, Cézanne, Degas, Gauguin, Maillol , Marquet, Matisse, Monet, Pissarro, Picasso, Renoir e Signac... ma anche le creazioni di artisti russi d'avanguardia come Malévitch, Kliou, Tatline, Rodchenko... Al Palais Galliera Chi porta cosa? Questa è la domanda posta dal museo della moda di Parigi, Palais Galliera, attraverso “collezione di anatomie” che termina il 12 febbraio 2017. Dal vestito indossato nelle corti reali al collard blu, tra anonimi e celebrità, la mostra unisce circa un centinaio di pezzi di abbigliamento e accessori per decifrare la moda dal XVIII secolo ai giorni nostri. Un vero e proprio viaggio nel tempo, che ripercorre i costumi della corte di Maria Antonietta o svela gli abiti preferiti di Audrey Hepburn o Sarah Bernhardt... Museo di arte moderna della città di Parigi Fino al 5 marzo, il museo d'Arte moderna dedica una mostra a Bernard Buffet (1928-1999), uno dei più famosi pittori francesi del 20° secolo, ma anche uno dei più controversi. Circa un centinaio di pezzi d'arte sono presenti, ripercorrendo i suoi temi preferiti: pagliacci naturalmente, ma anche i cicli religiosi, mitologici o letterari. Al museo d’Orsay Questa mostra su Frédéric Bazille che si conclude il 5 marzo, si terrà presso il museo d'Orsay, che mette in evidenza il lavoro di questo giovane artista che è morto in combattimento a soli 28 anni di età, ma che in pochi anni ha lasciato alcuni capolavori unici. Un genio, che è stato all'origine dell’impressionismo. Organizzato in modo tematico e cronologico, allo stesso tempo, il viaggio unisce le opere di Bazille con quelle dei suoi contemporanei come Delacroix, Courbet, Manet, Monet, Renoir, Fantin-Latour, Guigou, Scholderer e Cézanne. Al museo des Arts Décoratifs Non dobbiamo presentare Jean Nouvel, un architetto francese di fama mondiale, che, al di là dei suoi edifici, si è distinto anche per la sua realizzazione di oggetti di uso quotidiano. In questo suo lato architettonico, meno conosciuto, il museo delle arti Decorative svela fino 12 febbraio, espone i suoi mobili iconici.

Leggi di più
Mostre temporanee da non perdere a Parigi

Mostre temporanee da non perdere a Parigi