Culture & Arte


Troverai in questa pagina tutti gli articoli del blog HomeTown della sezione Culture & Arte

Culture & Arte

Cultura Giapponese nel cuore della capitale

6 mesi fa - Léa D.

Nel XIX secolo, la terra del sole nascente si è aperta al mondo. In seguito possiamo dire che Francia e Giappone hanno stretto legami culturali e sviluppato un fascino reciproco. L'ammirazione francese per questa nazione dall'altra parte del mondo è nata grazie alla raffinatezza dei giapponesi: il cinema, la cucina o l'arte, tutti elementi in cui i giapponesi eccellono. L'arte europea ispirata alla cultura giapponese si chiama Japonisme, ma va notato che se i francesi sono appassionati di questo bel paese, i giapponesi provano un’ammirazione reciproca! Gli chef francesi, come Alain Ducasse e il cinema, sono la “produzione francese” più acclamata in Giappone. Ma torniamo al nostro tema del giorno, quando la cultura giapponese decide di scivolare nella vita quotidiana dei parigini... Arte Giapponese, una delizia visiva La creatività giapponese viene messa sotto i riflettori a Parigi attraverso numerose mostre, film, spettacoli, conferenze, workshop... C'è qualcosa per tutti. Il know-how, la padronanza degli oggetti e delle arti tradizionali sono al centro della cultura giapponese: per i giapponesi l'arte è un mezzo per esprimere bellezza, eleganza, serenità e spirito zen. La Maison de la culture du Japan a Parigi mette in evidenza diversi eventi che vi immergeranno in questa cultura varia e raffinata: mostre di pittura popolare, conferenze sul passaggio da est a ovest, spettacoli e concerti di vari strumenti tra cui il pianoforte di Jun Kanno. Sono disponibili molti laboratori, tra cui lezioni di Shiatsu. The Guimet Museum, dedicata alle arti asiatiche fin dal XIX secolo, contiene numerose collezioni e mostre dedicate al Giappone: esse offrono un variegato panorama dell'arte giapponese da decenni. Le mostre sono temporanee: basta accedere al sito web del museo sopra indicato e cliccare sulla scheda "mostre". Durante le vacanze scolastiche vengono talvolta organizzati corsi di yoga per bambini e laboratori di narrazione: un modo molto divertente per far conoscere a vostro figlio le bellezze della cultura giapponese! Segreti culinari Non c'è bisogno di chiedersi quanti ristoranti giapponesi sono presenti a Parigi... Sono innumerevoli! Potete confermarlo se avete già passeggiato per le strade della capitale, o se avete intenzione di farlo presto. Per assaporare un assaggio del Giappone a Parigi, andate a rue Saint-Anne. E' pieno di molti ristoranti giapponesi tra cui ristoranti di sushi e ramen molto famosi (a volte ci vuole 1 ora in attesa per assaggiare una di queste deliziose ciotole...). Ha il vantaggio di raggruppare una moltitudine di ristoranti, ma le piccole perle si nascondono anche altrove nella capitale..... Ecco la nostra selezione dei migliori indirizzi sparsi a Parigi: Ramen Bowl Che siate fan incondizionati o semplici fan, abbiamo trovato per voi l'indirizzo definitivo per gustare una deliziosa ciotola di ramen. Una decorazione raffinata e calda, mobili in legno chiaro, bar luminoso, Ramen Bowl è una bancarella giapponese dei tempi moderni. Dalla cucina a vista, i curiosi sono invitati a guardare lo chef giapponese e il suo team preparare la ricetta per questo famoso brodo. 44 rue de Ponthieu Tel. : 09 81 27 77 16 Sapporo Questo ristorante giapponese in Saint Anne's Street è sempre indaffarato. La specialità della casa è il ramen. E' quindi in un'atmosfera popolare e amichevole che la gente di tutto il mondo viene solo per godere di questo piatto tradizionale e molto popolare dal Giappone, una zuppa di pasta fatta di brodo. Una vera delizia per un budget ragionevole, tra i 12 e i 15 euro al pasto. 37 rue Sainte-Anne Yasube Secondo il detto, un ristorante giapponese che ha giapponesi durante l'ora di pranzo è un buon posto giapponese! Questo è il caso di Yasube, un ristorante di cucina tradizionale. Un arredamento molto zen, sobrio e raffinato, dove il piatto preferito non è altro che il famoso bento, un autentico e generoso picnic giapponese da mangiare in loco. 9 rue Sainte-Anne The 3 chocolates Per tutti coloro che amano i dolci, nel Marais c'è un negozio che mescola sapori occidentali e asiatici: The 3 chocolates. Troverete tutti i tipi di cioccolato e dolci fruttati, lavorati nella massima finezza.. 45 rue Saint-Paul Aki Boulanger Per finire in dolcezza, ecco un panificio che rivisita i migliori classici francesi nell'arte della tradizione giapponese. La qualità del prodotto è originale e di rigore. 16 rue Saint-Anne I manga, l’inevitabile Un manga è un fumetto giapponese. La parola manga è anche usata a volte per designare, per estensione, un fumetto non giapponese che rispetta i codici delle produzioni popolari giapponesi. I manga tradotti in francese sono generalmente letti in senso originale, cioè da destra a sinistra. La Francia è il secondo maggior consumatore di manga al mondo dopo il Giappone: amanti dei manga, troverete la vostra felicità a Parigi. La nostra prima raccomandazione: il manga caffe. Si tratta di un concetto giapponese che consiste nel creare un luogo senza stress e di relax in cui viene messa a disposizione una grande biblioteca di manga. C'è anche la possibilità di divertirsi tra due letture attraverso i videogiochi messi a disposizione. Serate a tema e altre animazioni ed eventi che scandiscono puntualmente la vita del caffè. Nel 2019 si terrà la 27a edizione di Paris Manga. Questo evento è un punto di riferimento in termini di manga e fantascienza. E' l'appuntamento dell'animazione giapponese, stelle del cinema e serie TV, cosplay, vetrine, videogiochi; animazione e arti marziali. Nel programma di ogni edizione: ospiti da tutto il mondo, dimostrazioni e iniziazioni, quiz e conferenze, 200 stand di animazioni e negozi per trovare le ultime tendenze direttamente dal Giappone e dagli Stati Uniti... Paris Japan Expo: A 30 minuti da Parigi, un evento imperdibile per gli amanti del Giappone e della sua cultura. Dal manga alle arti marziali, dai videogiochi al folklore giapponese, dalla musica J-musicale alla musica tradizionale… Un luogo di scoperta e piacere che mescola tradizioni e novità.

Leggi di più
Cultura Giapponese nel cuore della capitale

Cultura Giapponese nel cuore della capitale

Culture & Arte

Visita Versailles in modo diverso: con una caccia al tesoro!

1 anno fa - Julie D.

Versailles è una delle ragioni per visitare Parigi. Il castello è enorme, ma davvero troppo.. come godersi la visita senza esserne sopraffatti? Ad esempio, cosa diresti di andare a una caccia al tesoro? Ecco quattro oggetti rappresentativi di Versailles, con la loro storia. Li puoi trovare nelle gallerie del castello? Visita a Versailles: alcuni consigli pratici Versailles è molto, molto, molto popolare tra i turisti.. Ci vuole molta pazienza per fare la fila all’ufficio vendite, a meno che tu non compri i biglietti qua. Ricorda, tuttavia, che puoi contare su HomeTown per organizzare un'escursione a Versailles con una visita guidata. In questo caso, addio lunghe code! Il castello stesso è aperto tutti i giorni tranne il Lunedì, dalle 9:00 alle 18:30 in alta stagione. Il Petit Trianon e la Galerie des Carrosses sono aperti solo nel pomeriggio, da mezzogiorno alle 17.30. Si raccomanda di evitare il Martedì e il fine settimana quando c'è folla. È inoltre possibile consultare il calendario del castello per vedere chiusure ed eventi. Puoi andare a Versailles con i mezzi pubblici; ci sono diverse soluzioni per questo: Prendere la RER C fino a Versailles Château Rive Gauche; Prendere il treno Gare Montparnasse per Versailles Chantiers; Prendere il treno Gare Saint-Lazare per Versailles Rive Droite; L'autobus 171 della RATP parte dal Pont de Sèvres (capolinea della linea 9 della metropolitana) e va al castello. Un avvertimento, tutte queste opzioni, tranne l'autobus, richiedono di terminare il viaggio a piedi. C'è anche una navetta, il Versailles Express, che porta direttamente al Palazzo di Versailles. La navetta parte da Quai Bourdonnais, vicino alla Torre Eiffel. Una volta passati i cancelli dorati del castello, ecco le quattero cose che troverai! Ritratto di Marie Leszczynska Meno conosciuta di Maria Antonietta, Marie Leszczynska, moglie di Luigi XV, non ebbe un destino migliore, quasi tragico come quella di Maria Antonietta.. Nel 1725, Luigi XV si ammalò: e se dovesse morire senza un erede? Quando si ammalò, entrò nel panico e cercò un bambino. Dopo complesse intrighi in tribunale, viene scelta Marie Leszczynska, Principessa di Polonia. Lei ha sette anni in più del suo futuro marito. Questa è una scelta predefinita, ma viene scelta perché non minaccia nessuno alla corte di Versailles. Lei non ha però supporto a corte, dove si ritrova isolata. Darà dieci figli a Luigi XV, tra cui otto ragazze; sopravvive solo un figlio. Molto timida, trova difficile trovare il suo posto a Versailles perché le manca un sacco di talento - non padroneggia la "leggerezza" Francese. Per trovare il suo ritratto, vai all'appartamento Victoire! Questo ritratto piacque davvero alla Regina, che ne fece parecchie copie. È rappresentata modestamente in abiti da città, il quale non mette in mostra i suoi abiti da regina. Pendolo di « Luigi XIV » Nel 1706, l'orologiaio Antoine Morand presenta al re un orologio eccezionale che egli stesso ha realizzato. Per compiacere Luigi XIV, venne fatto un meccanismo particolare: quando l'orologio suona l'ora, due puntine colpiscono il metallo dorato, e il Re appare, per essere incoronato tra la Gloria. L'orologio è montato su una scatola di fine intarsio. Come molti oggetti della Reggia di Versailles, l'orologio sperimentò molte vicissitudini al tempo della Rivoluzione. Un orologiaio rivoluzionario rimosse le armi reali per sostituirle con emblemi repubblicani e fa dell'orologio il "pendolo della libertà". Fu acquistato da Luigi XVIII e restituito a Versailles nel 1819. Passo 2 della caccia al tesoro: troverai l'orologio nel Salon de Mercure. Da non perdere l’Orologio Astronomico, un gioiello ad orologeria con una precisione squisita. È esposto nell'armadietto del Pendolo. Candelabro  « dell’Indipendenza Americana » Questo candelabro rappresenta una tendenza saldamente radicata nelle corti d'Europa dell'epoca: oggetti che celebrano o commemorano un'occasione speciale, con molti simboli. Per la terza fase della caccia al tesoro, troverai questo candelabro nel King's Inner Cabinet, ovvero la sua posizione originale. Il candelabro fu creato nel 1784, per celebrare la vittoria di Yorktown (1781). Troviamo gli animali e simboleggiamo i vari protagonisti della battaglia, delicatamente scolpiti in bronzo: leopardi, galli, sirene e navi. L’assalto di Yorktown è un punto di svolta nella guerra d'indipendenza Americana, che ha contrapposto gli eserciti britannici alle forze ribelli Americane. Questi hanno combattuto con il sostegno ed il rafforzamento dei Francesi. Mentre, da parte Americana, il duca di Rochambeau e il generale Washington decidono di marciare verso New York, sul versante Inglese Lord Cornwallis guida le sue truppe per fare rifornimento a Yorktown.Rochambeau decide di cambiare strategia e marcia verso Yorktown per combattere Cornwallis, senza informare Washington. La scommessa è rischiosa, ma i soldati britannici sono molto meno numerosi e indeboliti dalla malaria. Con il rafforzamento della flotta Francese nella baia di Chesapeake, la vittoria Americana è assicurata e gli inglesi si arrendono il 19 ottobre 1781. La Poltrona di Marie-Antoinette al Petit Trianon Una delle cose che più stupisce quando si visita Versailles è l'arredamento. Imitato in tutto il mondo ed ammirato, i mobili della Versailles del XVIII secolo non smettono mai di influenzare la moda. Questa graziosa poltrona è stata commissionata da Maria Antonietta per arredare la sua camera da letto e la troverai al Petit Trianon. Ultimo passo della caccia al tesoro! Fa parte di un set decorato con spighe di grano, caprifoglio e gelsomino che la regina ordinò nel 1787, solo due anni prima della Rivoluzione. È possibile che non le sia piaciuto molto a lungo.. La decorazione di piante corrisponde bene all'ispirazione rurale che Maria Antonietta volle dare al Petit Trianon. Questo castello era il suo rifugio quando l'atmosfera di Versailles, rigida e inamidata, era troppo soffocante. È uno spazio che Maria Antonietta ha voluto modellare secondo i suoi gusti: la raffinata semplicità è ispirata alla moda dello "chalet Svizzero" che all'epoca infuriava. Contro la sofisticazione della Corte e la corruzione delle grandi città, molti aristocratici aspiravano ad una vita semplice - o almeno una moda che ricorda loro che cosa poteva essere una vita semplice! Anzi, non dovremmo comunque spingere troppo: questo "ritorno alla natura" è particolarmente evidente sui set di mobili molto raffinati e confortevoli! Anche se la fattoria  Hameau de la Reine ha funzionato come fattoria, Maria Antonietta non è mai stata una pastorella, se non per moda.. E per finire la visita: vedi diversamente Versailles Il fotografo ed artista contemporaneo Jean-François Rauzier ha fatto una cosa sorprendente: ha scattato migliaia di foto di Versailles e le ha cucite insieme per ottenere una immagine da sogno del palazzo. Scale infinite, gallerie caleidoscopiche, librerie a labirinto.. Il risultato è mozzafiato. Ha dedicato a Versailles un libro magnifico, Hyper Versailles (lo trovi qua). In questo video, l'artista spiega la sua tecnica mentre la applica alle linee aggraziate della scala all'Hôtel de Ville di Versailles.

Leggi di più
Visita Versailles in modo diverso: con una caccia al tesoro!

Visita Versailles in modo diverso: con una caccia al tesoro!

Culture & Arte

Da Amélie Poulain a Steampunk: il mondo dei sogni di Caro e Jeunet

1 anno fa - Julie D.

Potresti essere venuto a Montmartre sulle orme di Amélie Poulain... Approfitta fino a luglio 2018 per visitare la Halle Saint-Pierre, per vedere la mostra dedicata agli oggetti realizzati da Marc Caro e Jean-Pierre Jeunet. Quindi, continua la tua caccia al tesoro alla scoperta di Parigi, ma seguendo un'altra pista, quella dello "Steampunk" caro al già citato. "Caro e Jeunet" sono dei geni, noti per i loro film immersi in uno strano universo, popolato da oggetti bizzarri e talvolta un arredamento comico, ma a volte inquietante. Le loro collaborazioni più famose sono i film Delicatessen e La cite des Enfants Perdus. Jean-Pierre Jeunet è anche, ovviamente, il direttore di Alien Resurrection e Le Fabuleux Destin d’Amelie Poulain. La mostra permette di immergersi nel loro mondo dei sogni e di trovare gli oggetti insoliti che popolano i loro film. Tutti ricordano la lampada di Amelie Poulain: il candelabro, un maiale con una vestaglia, che ama condividere i suoi saggi aforismi sulla movimentata vita amorosa del suo proprietario. La lampada fa parte degli oggetti esposti alla Halle Saint-Pierre, nel cuore del quartiere di Amelie Poulain - per così dire a casa! Puoi anche vedere la scatola di souvenir di Dominique Bretodeau che Amelie riporta al suo proprietario dopo molti sotterfugi. Ma la mostra richiama anche i lati più oscuri dell'universo di Caro e Jeunet, dove i ciclopi Steampunk si evolvono, decorati con un monocolo alla fine di un braccio articolato, l 'optacon, e dove l'Alien prende l'aspetto pauroso di un aborto scheletrico. Halle Saint Pierre, arte esterna e arte singolare "Dedicato alle forme più inaspettate di creazione," Halle Saint-Pierre è uno spazio dedicato all'arte esterna e all'arte singolare, situato ai piedi della Butte Montmartre - vicino ai giardini del Sacré Coeur dove Amelie Poulain porta Nino Quincampoix a fare una caccia al tesoro. L'Halle ospita anche una libreria d'arte e una caffetteria. In parallelo con la mostra Caro e Jeunet, da non perdere "Turbulenze nei Balcani", al piano superiore della Halle, una mostra dedicata agli ultimi sviluppi dell'arte straniere in questa regione. È interessante notare che Jean-Pierre Jeunet è un avido visitatore della Halle e che i creatori e gli artisti che hanno esposto in passato hanno suggerito molti elementi per i suoi film. La mostra include opere della collezione Halle Saint-Pierre, scelte da Caro e Jeunet per averle ispirate. Halle Saint-Pierre - 2, rue Ronsard, 75018 - metro Anvers o Abbesses - aperto tutti i giorni, dalle 11h alle 18h, sabato dalle 11h alle 19h e domenica dalle 12h alle 18h - attenzione, la biglietteria chiude 1h prima dell'orario di chiusura del museo - prezzo intero 9€, meno di 15 anni, 6€ Steampunk, la nostalgia del futuro Ma cos'è "Steampunk"? Un universo nato dall'immaginazione sfrenata di romanzieri e artisti, entrambi affascinati dal progresso tecnologico e preoccupati per i suoi eccessi. Dai romanzi di H.G. Wells e Jules Verne alle peregrinazioni di Adèle Blanc-Sec in una Parigi popolata da spaventose creature, lo Steampunk coltiva un immaginario che mescola moda della Belle Époque e attrezzi artigianali. Redingote, crinoline e macchine del tempo stanno in piedi allegre. "Steampunk" è anche una comunità vivace che in Francia è chiamata “vaporisti". Questa miscela di futurismo e nostalgia, fatta di oggetti strani e poetici, si trova in una serie di famosi libri: "Anno 2000" visto da Villemard. Progettate nel 1910, al culmine della Belle Époque, queste scenette squisitamente obsolete descrivevano un futuro ultratecnologico come veniva rappresentato all'epoca: conversazioni telefoniche con ologrammi, mezzi di trasporto supersonici, macchine per tagliare la barba e acconciature per le donne. Anche se siamo in grado di riconoscere gli antenati di oggetti che usiamo ogni giorno, la combinazione di braccia articolate, grammofoni e abbigliamento del 1900 continua a far sorridere... L'inizio del secolo, tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo, è anche il momento del trionfo di Jules Verne. Il sottomarino del capitano Nemo, il Nautilus, è un brillante esempio di queste complicate macchine, la cui funzione non è sempre scontata ma ha un aspetto innegabile! Inoltre, puoi trovare i Misteri del Nautilus tra le attrazioni di Disneyland Paris. Jules Verne era anche una fonte inesauribile di ispirazione per Caro e Jeunet e rimane il santo patrono dello Steampunk, a Parigi e in tutto il mondo. "Jules Verne" è anche il nome del ristorante al 2° piano della Torre Eiffel, simbolo Steampunk. I Misteri del Nautilus - Disneyland Paris - accessibile tramite RER A, fermata Marne-la-Vallée / Chessy o Disneyland Paris Express da Gare du Nord, Opera e Châtelet. Ristorante Le Jules Verne (Alain Ducasse) - 2nd piano della Torre Eiffel - piazza Gustave Eiffel, 75007 - metro 6 Bir-Hakeim, RER C Torre Eiffel La collezione di automi e l'aeroplano Blériot del Museum delle arti e mestieri Il fascino per le macchine ingegnose non risale a ieri - né nasce da Jules Verne. I poeti possono continuare i loro sogni ad occhi aperti al Museo delle Arti e Mestieri, che ha una superba collezione di automi di tutte le età. Questo Teatro degli automi mostra in particolare Marie-Antoinette musicita, suonare il timpano. I suoi movimenti di testa aggraziati producono un'impressione strana, quasi vivente. Il teatro riunisce altri esemplari curiosi, molti giocattoli come questo Don Chisciotte con un fiero baffo dipinto sul suo cavallo su ruote, e altri musicisti, come il suonatore di organo barbarico. A discrezione delle gallerie, si può anche ammirare  la macchina volante di Louis Blériot, antenato dell'aereo. Questo aeroplano fu proprio quello che permise a Blériot di attraversare il canale della manica in 37 minuti nel 1909 – e questo film vintage, in bianco e nero granuloso e tremolante, avrà certamente influenzato i fan di Méliès che sono Caro e Jeunet. Il personaggio dell'inventore folle e audace, che mette alla prova le sue macchine a rischio della vita, è una figura ben nota nel pantheon di Steampunk! Museo delle Arti e Mestieri - 60, rue de Réaumur, 75003 - Metro Arts et Métiers o Réaumur-Sébastopol - prezzo: 8€, prezzo ridotto 5,50€, gratuito la prima domenica del mese e giovedì dalle 18h alle 21h30 Arts et Métiers stazione metro, linea 11 La stazione metro di Arts et Métiers è nota ai "vaporisti" per il suo aspetto retrò e futuristico, un marchio di Steampunk... Sulle banchine della linea 11, ci sono tanti dettagli a richiamare questa corrente, come gli oblò che fingono di essere nelle profondità della Terra, e che espongono oggetti dal Museo delle Arti e Mestieri, come la sfera armillare o il satellite Telstar. La sua volta ellittica, interamente rivestita con lastre di rame rivettate, gli conferisce un aspetto molto particolare che evoca la meccanica e le macchine, così come le grandi ruote all'estremità della piattaforma. Questo deco allestito per il bicentenario del Conservatorio nazionale di arti e mestieri è dovuto allo sceneggiatore Benoît Peeters e al designer François Schuiten. Amici di lunga data, hanno collaborato al fantastico libro di fumetti Les Citès Obscures. Questo universo di fantascienza ci porta, tra l'altro, a "Brüsel" Pâhry": queste due città immaginarie assomigliano a quelle che potrebbero essere Bruxelles e Parigi, se un urbanista pazzo Steampunk le avesse ridisegnate...

Leggi di più
Da Amélie Poulain a Steampunk: il mondo dei sogni di Caro e Jeunet

Da Amélie Poulain a Steampunk: il mondo dei sogni di Caro e Jeunet

Culture & Arte

Cosa fare durante la chiusura del Museo Carnavalet?

2 anni fa - Julie D.

Il Museo Carnavalet, museo della storia di Parigi, sarà chiuso fino alla fine del 2019 2000 sculture, 2600 dipinti, 300.000 stampe, 150.000 fotografie, 10.000 pezzi archeologici.. Il Museo Carnavalet è la memoria di Parigi. Dalla tribù Gallica dei Parisii ed i reperti preistorici presenti nel quartiere Bercy, alle prime fotografie di Parigi di Émile Atget, passando per le chiavi della Bastiglia e persino un laccio per capelli di Luigi XVI, il museo racconta la storia turbolenta della capitale Francese. O meglio "raccontava", perché il museo è chiuso per la ristrutturazione fino alla fine del 2019, e riaprirà nel 2020. Che sfortuna! Quindi come scoprire l'estrema ricchezza di questa storia e come capirne il significato, mentre il museo viene ristrutturato per tornare al suo splendore? Non volendo lasciare i suoi visitatori orfani, il Museo Carnavalet ha creato una serie di guide ai tour e letture su molti temi. Queste attività, fuori dalle sue mura, fanno fare passeggiare in diversi quartieri di Parigi. Si può scegliere tra: "la Parigi degli scrittori", la Parigi di Victor Hugo o la Parigi di Proust; ci sono anche passeggiate dedicate a periodi storici particolari, come la Parigi medievale e la Parigi della Rivoluzione. Ci sono anche passeggiate nei quartieri, intorno a Montmartre, Les Halles o la Grange aux Belles. Infatti, le strade di Parigi sono forse il posto migliore per scoprire la storia della città. Facendo cosi, si può scoprire la storia con il naso al vento, in un museo all'aria aperta stupendo, come la Città delle Luci. Essendo i tempi cambiati, l'istituzione dei Musei di Parigi è diventata di importanza primaria. Oggi il museo diventa portatile ed interattivo: ora possiamo scaricare l'app di Parigi di au Fil de la Seine per scoprire la storia di Parigi passeggiando lungo le rive del fiume. Dall'isola di Saint-Louis al ponte Alexandre III, scopriamo gli aneddoti che hanno fatto la storia e coinvolgono monumenti e piazze. Per prendere qualche "nota", cosa che non fà mai male, date un occhiata al sito informazioni cronologiche di Parigi. Oltre a ricordare le date, il sito offre una camminata a Parigi, che permette di camminare dalla città dell'antichità Gallo-Romana, con le Arènes de Lutèce, al nuovo distretto della Biblioteca Nazionale di Francia, molto recente. La storia di Parigi continua ad essere scritta.. chissà cosa vi aspetterà! Un altro museo per scoprire la storia di Parigi Dopotutto, un soggiorno a Parigi non può essere fatto senza vedere un museo.. Ci sono altri musei che, a differenza del Museo Carnavalet, sono ancora aperti. Museo Cognacq-Jay Per coloro che associano Parigi con la raffinatezza del XVIII secolo, il Museo Cognacq-Jay è la destinazione perfetta. Raccoglie, nel sontuoso hotel di Donon, l'eredità di Ernest Cognacq e di sua moglie Marie-Louise Jay. La coppia Cognacq-Jay fa parte della storia di Parigi, poiché sono i fondatori del negozio La Samaritaine. Amanti dell'arte del XVIII secolo, hanno raccolto durante tutta la loro vita dipinti, sculture, disegni, pezzi di mobilio, gioielli e tanto altro. Museo Cognacq-Jay - 8 rue Elzévir, 75003 - Aperto dalle 10 alle 18, da Martedì a Domenica - Chiuso il Lunedì - Metropolitana Saint-Paul, Chemin-Vert, Rambuteau - ingresso gratuito per la collezione permanente. Accessibile a persone con mobilità ridotta. Museo Jacquemart-André Il Museo Jacquemart-André ospita la collezione di un'altra coppia, Édouard André e di sua moglie Nélie Jacquemart. André era l'erede di una delle più grandi famiglie del Secondo Impero ed aveva servito come guardia personale di Napoleone III: la storia personale del fondatore di questo museo, affascinante, grazie al suo ricco viaggio personale, si unisce ad una ricca collezione di oggetti. Nella sontuosa cornice del palazzo che André costruì a sue spese nel 1868, ci sono molti dipinti ed opere d'arte. Il luogo è interessante grazie alle magnifiche collezioni d'arte che riuniscono opere Italiane, artisti Francesi del XVIII secolo (Fragonard, Vigée-Lebrun), artisti Olandesi (Rembrandt, Van Ruysdael) ed artisti Inglesi (Joshua Reynolds). Al fine di rispettare i desideri di Nélie Jacquemart, l’aspetto del locale è stato mantenuto così com'era: si passeggia per le stanze abitate dalla coppia Jacquemart-André, testimoni di uno stile di vita di lusso durante il Secondo Impero. Musée Jacquemart-André - 158 boulevard Haussmann, 75008 - Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, di notte il Lunedì alle ore 20.30, durante il periodo espositivo - Saint-Augustin, Miromesnil o Saint-Philippe du Roule - ingresso 13,50 € - Si può acquistare il biglietto on-line sul sito del museo per un accesso diretto. Museo Nazionale del Medioevo – Terme di Cluny Il Museo Nazionale del Medioevo ha trovato l'ambiente perfetto nell’Hotel de Cluny. Il magnifico edificio era in passato la residenza del potente ordine monastico di Cluny. È stato costruito nel 1485 in stile gotico, ma già nel XIII secolo, l'ordine di Cluny apri un collegio per l'educazione dei suoi novizi nelle vicinanze. La cappella, che risale al XV secolo, è un gioiello architettonico, con la sua volta estremamente graziosa e riccamente decorata. Il museo ospita una straordinaria collezione di arte medievale, tra cui lo splendido arazzo della signora con l’unicorno. Museo del Medioevo - 6, posto Paul Painlevé, 75005 - aperto tutti i giorni dalle 9.15 alle 5.45, tranne il Martedì (biglietteria fino alle ore 5.15) - 8 €, 6 € a prezzo ridotto, gratuito la prima Domenica di ogni mese - La Sorbonne o Saint-Michel. Museo di Montmartre Conoscete il gatto nero, il gatto di Art Deco che si può trovare ovunque sui souvenir, poster, ombrelloni, magneti per frigoriferi, tazze.. Scoprite l'originale, il famoso poster disegnato da Steinlein per il Cabaret du Chat Noir, presso il Museo Montmartre. Vicino al Place du Tertre e lontano dal suo trambusto di turisti, il museo trasporta i suoi visitatori nel cuore del Montmartre Boemo, dal tardo XIX e all'inizio del XX secolo. C'è anche il giardino di Renoir: Renoir affittò uno studio per due anni nell'edificio che ospita oggi il museo, dove il giardino è stato ricreato come mostrato in molti dipinti del pittore impressionista. Il museo presenta una splendida collezione di opere e testimonianze di Modigliani, Maurice Utrillo, Suzanne Valadon, Toulouse-Lautrec e molti altri. Museo di Montmartre - 12 rue Cortot, 75018 - aperto tutti i giorni, tutto l'anno dalle 10 alle 18 e fino alle 19:00 da aprile a settembre - metro Lamarck-Caulaincourt - da 9,5 € a 11 € a seconda della mostra. Museo del Prefetto di Polizia Il Museo del Prefetto di Polizia traccia la storia delle forze di polizia di Parigi, dalla loro creazione sotto Luigi XIV. Parigi nel XVII secolo, era una vivace metropoli il cui sovrano conosceva troppo bene lo spirito ribelle della Fronde, che lo costrinse, ancora bambino, a fuggire dalla capitale. Il re del sole, impose a Colbert di organizzare una moderna forza di polizia e questo è l'inizio di una storia affascinante che riflette le evoluzioni della città. Le importanti riforme portate dai successivi tenenti, formarono il volto di Parigi: l'introduzione della illuminazione stradale nel XVIII secolo fu dovuta alla polizia e contribuì a renderla la Città della Luce e creare un fascicolo con diverse tecniche di Alphonse Bertillon, questo segnò l'inizio della polizia scientifica alla fine del XIX secolo. Il museo racconta una storia di criminalità e punizione per i criminali. Questa parte della collezione, soprannominata "Museo del Crimine", è spesso cruda nella parte finale. Museo del Prefetto di Polizia - 4, rue de la Montagne Sainte-Geneviève, 75005 - metropolitana Maubert-Mutualité - aperto dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 17.00 - ingresso gratuito.

Leggi di più
Cosa fare durante la chiusura del Museo Carnavalet?

Cosa fare durante la chiusura del Museo Carnavalet?

Culture & Arte

Parigi, capitale del Cabaret

2 anni fa - Pauline P.

I simboli di glamour e lo spirito di festa sono legati alla capitale Francese; i cabaret parigini fanno sognare i turisti da tutto il mondo di venire qui. Revue, burlesque, circo, magia.. c'è qualcosa per tutti, con un denominatore comune: la voglia di divertirsi e la nostra di lasciare tutti di stucco! The Paradis Latin, il più antico cabaret Parigino Fondato nel 1802 da Napoleone Bonaparte, il Paradis Latin è al momento il luogo più popolare della capitale. La sua storia è strettamente legata alla vita culturale di Parigi: molti artisti, intellettuali, politici e giornalisti lo avrebbero visitato; Balzac, Dumas padre e figlio, oltre a Mérimé, frequentavano il posto, ma è Gustave Eiffel, figura del panorama Parigino, che ha ricostruito questo cabaret dopo un incendio, tutto nel mentre stava costruendo la Torre Eiffel per l’esibizione universale del 1889. Dopo un lungo periodo di chiusura e di abbandono del locale, 1894-1977, il Paradiso Latino rinasce ancora una volta per ospitare musiche di sala rivisitate, mostre che uniscono canzoni, magia e circo. Il cabaret ha riacquistato lo splendore del suo debutto, attirando più che mai le immense folle… The Paradis Latin, 28 rue du Cardinal Lemoine 75005 Paris. Cena alle 20 e spettacolo alle 21:30 The Moulin Rouge, dalla Belle Epoque ai giorni nostri Ai piedi della Butte Montmartre, un luogo di festa e di arte a partire dalla fine del 19° secolo, il Moulin Rouge ha reinventato lo spettacolo nel 1889, con numeri magici e circo stravagante. Ha poi fatto il suo debutto sulle riviste, grazie ai più grandi nomi della scena Francese che si sono susseguiti sul palcoscenico del Moulin Rouge: Goulue, Mistinguett, Maurice Chevalier poi Edith Piaf, Yves Montand e Charles Aznavour. Questo Cabaret ha accolto con favore la regina d'Inghilterra per uno spettacolo privato, e moltiplicato le serate di gala, invitando le più grandi star internazionali: Liza Minelli, Ray Charles ed Elton John, che si sono esibiti in questa scena mitica. Un mito che dura fino ad oggi, con riviste che vengono prodotte ogni giorno all'estero ed un cancan Francese che è sempre e comunque iconico. The Moulin Rouge, 82 Boulevard de Clichy, 75018 Paris. Cena alle 19, spettacolo alle 21 o 23 Lido, glitter e glamour sugli Champs Elysées Sugli Champs Elysees, il viale più bello del mondo, il Lido ha aperto le sue porte nel 1946, e da allora in poi, gli spettatori di tutto il mondo sono abbagliati dai costumi stravaganti e ballerini di talento. La compagnia Bluebell Girls è diventata un vero e proprio mito: grazie ai ballerini con le gambe infinite (che devono essere alti almeno 1,75m per essere in grado di fare parte di questa truppa) e la leggendaria eleganza offerta ogni sera in una rappresentazione eccezionale. 200 chili di piume, una pista di pattinaggio, 300.000 bottiglie di champagne all'anno.. il Lido è il tempio dell’eccesso, per deliziare e stupire tutti gli spettatori. The Lido, 116 Avenue des Champs-Élysées, 75008 Paris. Cena alle 19 e spettacolo alle 23 The Crazy Horse, strip-tease glamor a Parigi Un vero e proprio tempio dell’erotismo chic, il Crazy Horse è stato creato negli anni '50 per rinnovare il genere del cabaret, mescolando l'arte dello spogliarello con l'estetica lucida e sofisticata. Tacchi abbaglianti, parrucche a frange ed esagerate ciglia finte, i ballerini del Crazy Horse sono accolti in un clima di ombre e luci. Molti ospiti sono regolarmente invitati a far parte del cast, per rendere lo spettacolo ancora più indimenticabile… The Crazy Horse, 12 Avenue George V, 75008 Paris

Leggi di più
Parigi, capitale del Cabaret

Parigi, capitale del Cabaret