Culture & Arte


Cosa fare durante la chiusura del Museo Carnavalet?

3 anni fa - Julie D.

Il Museo Carnavalet, museo della storia di Parigi, sarà chiuso fino alla fine del 2019

2000 sculture, 2600 dipinti, 300.000 stampe, 150.000 fotografie, 10.000 pezzi archeologici.. Il Museo Carnavalet è la memoria di Parigi. Dalla tribù Gallica dei Parisii ed i reperti preistorici presenti nel quartiere Bercy, alle prime fotografie di Parigi di Émile Atget, passando per le chiavi della Bastiglia e persino un laccio per capelli di Luigi XVI, il museo racconta la storia turbolenta della capitale Francese. O meglio "raccontava", perché il museo è chiuso per la ristrutturazione fino alla fine del 2019, e riaprirà nel 2020.

Che sfortuna! Quindi come scoprire l'estrema ricchezza di questa storia e come capirne il significato, mentre il museo viene ristrutturato per tornare al suo splendore?

Dentro al Museo Carnavalet

Non volendo lasciare i suoi visitatori orfani, il Museo Carnavalet ha creato una serie di guide ai tour e letture su molti temi. Queste attività, fuori dalle sue mura, fanno fare passeggiare in diversi quartieri di Parigi. Si può scegliere tra: "la Parigi degli scrittori", la Parigi di Victor Hugo o la Parigi di Proust; ci sono anche passeggiate dedicate a periodi storici particolari, come la Parigi medievale e la Parigi della Rivoluzione. Ci sono anche passeggiate nei quartieri, intorno a Montmartre, Les Halles o la Grange aux Belles.

Infatti, le strade di Parigi sono forse il posto migliore per scoprire la storia della città. Facendo cosi, si può scoprire la storia con il naso al vento, in un museo all'aria aperta stupendo, come la Città delle Luci.

Essendo i tempi cambiati, l'istituzione dei Musei di Parigi è diventata di importanza primaria. Oggi il museo diventa portatile ed interattivo: ora possiamo scaricare l'app di Parigi di au Fil de la Seine per scoprire la storia di Parigi passeggiando lungo le rive del fiume. Dall'isola di Saint-Louis al ponte Alexandre III, scopriamo gli aneddoti che hanno fatto la storia e coinvolgono monumenti e piazze.

Per prendere qualche "nota", cosa che non fà mai male, date un occhiata al sito informazioni cronologiche di Parigi. Oltre a ricordare le date, il sito offre una camminata a Parigi, che permette di camminare dalla città dell'antichità Gallo-Romana, con le Arènes de Lutèce, al nuovo distretto della Biblioteca Nazionale di Francia, molto recente. La storia di Parigi continua ad essere scritta.. chissà cosa vi aspetterà!

Museo Cognacq Jay

Un altro museo per scoprire la storia di Parigi

Dopotutto, un soggiorno a Parigi non può essere fatto senza vedere un museo.. Ci sono altri musei che, a differenza del Museo Carnavalet, sono ancora aperti.

Museo Cognacq-Jay

Per coloro che associano Parigi con la raffinatezza del XVIII secolo, il Museo Cognacq-Jay è la destinazione perfetta. Raccoglie, nel sontuoso hotel di Donon, l'eredità di Ernest Cognacq e di sua moglie Marie-Louise Jay. La coppia Cognacq-Jay fa parte della storia di Parigi, poiché sono i fondatori del negozio La Samaritaine. Amanti dell'arte del XVIII secolo, hanno raccolto durante tutta la loro vita dipinti, sculture, disegni, pezzi di mobilio, gioielli e tanto altro.

Museo Cognacq-Jay - 8 rue Elzévir, 75003 - Aperto dalle 10 alle 18, da Martedì a Domenica - Chiuso il Lunedì - Metropolitana Saint-Paul, Chemin-Vert, Rambuteau - ingresso gratuito per la collezione permanente. Accessibile a persone con mobilità ridotta.

Museo Jacquemart-André

Il Museo Jacquemart-André ospita la collezione di un'altra coppia, Édouard André e di sua moglie Nélie Jacquemart. André era l'erede di una delle più grandi famiglie del Secondo Impero ed aveva servito come guardia personale di Napoleone III: la storia personale del fondatore di questo museo, affascinante, grazie al suo ricco viaggio personale, si unisce ad una ricca collezione di oggetti.

Nella sontuosa cornice del palazzo che André costruì a sue spese nel 1868, ci sono molti dipinti ed opere d'arte. Il luogo è interessante grazie alle magnifiche collezioni d'arte che riuniscono opere Italiane, artisti Francesi del XVIII secolo (Fragonard, Vigée-Lebrun), artisti Olandesi (Rembrandt, Van Ruysdael) ed artisti Inglesi (Joshua Reynolds). Al fine di rispettare i desideri di Nélie Jacquemart, l’aspetto del locale è stato mantenuto così com'era: si passeggia per le stanze abitate dalla coppia Jacquemart-André, testimoni di uno stile di vita di lusso durante il Secondo Impero.

Musée Jacquemart-André - 158 boulevard Haussmann, 75008 - Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, di notte il Lunedì alle ore 20.30, durante il periodo espositivo - Saint-Augustin, Miromesnil o Saint-Philippe du Roule - ingresso 13,50 € - Si può acquistare il biglietto on-line sul sito del museo per un accesso diretto.

Museo Cappella Cluny

Museo Nazionale del Medioevo – Terme di Cluny

Il Museo Nazionale del Medioevo ha trovato l'ambiente perfetto nell’Hotel de Cluny. Il magnifico edificio era in passato la residenza del potente ordine monastico di Cluny. È stato costruito nel 1485 in stile gotico, ma già nel XIII secolo, l'ordine di Cluny apri un collegio per l'educazione dei suoi novizi nelle vicinanze. La cappella, che risale al XV secolo, è un gioiello architettonico, con la sua volta estremamente graziosa e riccamente decorata. Il museo ospita una straordinaria collezione di arte medievale, tra cui lo splendido arazzo della signora con l’unicorno.

Museo del Medioevo - 6, posto Paul Painlevé, 75005 - aperto tutti i giorni dalle 9.15 alle 5.45, tranne il Martedì (biglietteria fino alle ore 5.15) - 8 €, 6 € a prezzo ridotto, gratuito la prima Domenica di ogni mese - La Sorbonne o Saint-Michel.

Museo Montmartre

Museo di Montmartre

Conoscete il gatto nero, il gatto di Art Deco che si può trovare ovunque sui souvenir, poster, ombrelloni, magneti per frigoriferi, tazze.. Scoprite l'originale, il famoso poster disegnato da Steinlein per il Cabaret du Chat Noir, presso il Museo Montmartre. Vicino al Place du Tertre e lontano dal suo trambusto di turisti, il museo trasporta i suoi visitatori nel cuore del Montmartre Boemo, dal tardo XIX e all'inizio del XX secolo.

C'è anche il giardino di Renoir: Renoir affittò uno studio per due anni nell'edificio che ospita oggi il museo, dove il giardino è stato ricreato come mostrato in molti dipinti del pittore impressionista. Il museo presenta una splendida collezione di opere e testimonianze di Modigliani, Maurice Utrillo, Suzanne Valadon, Toulouse-Lautrec e molti altri.

Museo di Montmartre - 12 rue Cortot, 75018 - aperto tutti i giorni, tutto l'anno dalle 10 alle 18 e fino alle 19:00 da aprile a settembre - metro Lamarck-Caulaincourt - da 9,5 € a 11 € a seconda della mostra.

Museo del Prefetto di Polizia

Il Museo del Prefetto di Polizia traccia la storia delle forze di polizia di Parigi, dalla loro creazione sotto Luigi XIV. Parigi nel XVII secolo, era una vivace metropoli il cui sovrano conosceva troppo bene lo spirito ribelle della Fronde, che lo costrinse, ancora bambino, a fuggire dalla capitale. Il re del sole, impose a Colbert di organizzare una moderna forza di polizia e questo è l'inizio di una storia affascinante che riflette le evoluzioni della città.

Le importanti riforme portate dai successivi tenenti, formarono il volto di Parigi: l'introduzione della illuminazione stradale nel XVIII secolo fu dovuta alla polizia e contribuì a renderla la Città della Luce e creare un fascicolo con diverse tecniche di Alphonse Bertillon, questo segnò l'inizio della polizia scientifica alla fine del XIX secolo.

Il museo racconta una storia di criminalità e punizione per i criminali. Questa parte della collezione, soprannominata "Museo del Crimine", è spesso cruda nella parte finale.

Museo del Prefetto di Polizia - 4, rue de la Montagne Sainte-Geneviève, 75005 - metropolitana Maubert-Mutualité - aperto dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 17.00 - ingresso gratuito.